2020 - 617118 PNL9R7 147 scaled - Servimed Industrial

Diagnostica oculare


REmark® - l'alternativa alla fluoresceina nella diagnosi oculare

REmark® - La soluzione oftalmica brevettata a base di riboflavina, utilizzata come colorante per la tonometria e la diagnosi oculare superficiale.

edit button text.
2020 - REmark air mockup underwater - Servimed Industrial

REmark


L'alternativa alla fluoresceina

Grazie alle note proprietà di fluorescenza dei suoi componenti è adatto alla diagnosi di meccanismi oculari, per la misura della pressione oculare con il tonometro di Goldmann, per la meccanica d’applicazione delle lenti a contatto, per la valutazione del tempo di rottura (Break-Up Time) del film lacrimale e per altre misurazioni.

REmark ® sfruttando le proprietà di fluorescenza giallo-verde (fino a 565 nm) dei suoi componenti, colorerà i tessuti captanti quando illuminati con un filtro cobalto in dotazione alle lampade a fessura.

REmark ® può essere utilizzato con lenti a contatto indossate.

SERVImed Industrial è un’azienda di Ricerca, Sviluppo, Produzione e distribuzione di Dispositivi Medici. La missione è affiancare il mondo medicale con prodotti, servizi e soluzioni all’avanguardia

SCARICA LA BROCHURE

INDICAZIONI

REmark ® viene applicato localmente per colorare il film lacrimale e consente la diagnosi di:

  • posizionamento delle lenti a contatto;
  • anomala produzione di lacrime (dry eye);
  • stabilità del film lacrimale (break-up time);
  • menisco del fluido più sottile del normale;
  • dotti lacrimali bloccati;
  • Perdita dell’integrità congiuntivale;
  • lesioni;
  • traumi;
  • infezioni;
  • Dry Eye;
  • abrasioni epiteliali;
  • ulcere,
  • edema corneale;
  • corpi estranei;
  • misurazione della pressione intraoculare con il tonometro di Goldmann.

LA RIBOFLAVINA COME COLORANTE

Caratteristiche e vantaggi

La riboflavina è un colorante simile alla fluoresceina e, somministrata in collirio, ha dimostrato di poter fornire informazioni simili alla doppia colorazione con fluoresceina e lissamina risultando molto meglio tollerata. La riboflavina è la sostanza più naturale già impiegata in oculistica. La riboflavina può essere impiegata perfettamente nella misurazione del tono oculare con lo strumento ad applanazione di Goldmann, con caratteristiche di fluorescenza, alla luce di Wood, del tutto paragonabili a quelle ottenute dalle tradizionali colorazioni con preparati a base di fluoresceina.

La riboflavina in collirio ha numerosi vantaggi rispetto alla fluoresceina:

  • ha un tempo di permanenza sulla superficie oculare dieci volte più lungo della fluoresceina e questo permette d’individuare difetti del sistema di giunzione delle cellule epiteliali anche lievi, di analizzare più accuratamente il processo di ricambio lacrimale e la presenza della black-line;
  • la riboflavina colora tutta la lacrima (non solo lo strato acquoso come fa la fluoresceina) e fornisce informazioni qualitative più affidabili attraverso lo studio del BUT; la riboflavina è in grado di rilevare le aree di sofferenza epiteliale sia della cornea sia della congiuntiva evitando così di ricorrere alla fastidiosa doppia colorazione con fluoresceina e lissamina;
  • la riboflavina può essere impiegata per la valutazione della superficie oculare anche in presenza di lente a contatto morbida poiché colora la lente solo transitoriamente;
  • la riboflavina collirio colora la lacrima e la superficie oculare per tutti gli impieghi clinici noti meglio e più a lungo della fluoresceina senza effetti collaterali e senza danneggiare meccanicamente le strutture della superficie oculare;
  • la riboflavina collirio è prodotta in dispenser richiudibili, che la rende perfettamente utilizzabile senza sprechi; ha un costo medio equivalente o lievemente inferiore alle strisce di fluoresceina.

BIBLIOGRAFIA

  1. M. Rolando, F. Bruzzone. “Un’alternativa alla fluoresceina per la misurazione del tono oculare mediante il tonometro di Goldmann”. Italian Review of Ophthalmology, June 2016. [PDF]
  2. POS-32122 “A new biological coloration for corneal and conjunctival evaluation of epithelial injuries”. ESCRS, Copenhagen 2016.[PDF]
  3. P. Troiano, C. Caruso, S. Troisi “La colorazione della superficie oculare” Notiziario SOI 2017-01.[PDF]